Ultime notizie

Dotazione organica Dirigenti [...]

Dotazione organica Dirigenti Scolastici

Il D.M. 30/6/2016, N. 528 della consistenza complessiva delle dotazioni organiche dei dirigenti scolastici per l’a. s. 2016/2017 è stato registrato alla Corte dei Conti in data 5 agosto 2016.

La consistenza complessiva delle dotazioni organiche dei dirigenti scolastici è definita, per l'anno scolastico 2016-2017, secondo i contingenti indicati nella tabella allegata, che costituisce parte integrante del presente provvedimento

Tali contingenti sono ripartiti con riferimento alle dimensioni regionali. Nella medesima tabella è, altresì, indicata la consistenza delle dotazioni organiche del personale dirigenziale delle scuole ed istituti di lingua slovena delle province di Gorizia, Trieste e Udine per la regione Friuli-Venezia Giulia. Il presente decreto sarà trasmesso alla Corte dei Conti per il visto e la registrazione, a norma dell'articolo 3 della legge 14 gennaio 1994, n. 20.

http://www.istruzione.it/allegati/2016/dm528_16.pdf

 

DDG per copertura posti [...]

DDG per copertura posti vacanti di dirigenti scolastici

Con DDGn. 903 del24 agosto 2016, il MIur ha decretato che, per l’anno scolastico 2016/2017, sono assegnate, ai soggetti inseriti nell’elenco di cui al D.D.G. prot. n. 902 del 24 agosto 2016, le sedi regionali di destinazione come previsto dall’articolo 4 del Decreto Ministeriale prot. n. 635 del 27 agosto 2015.

Il predetto elenco è contenuto nell’allegato A che costituisce parte integrante del decreto.

I candidati inseriti nell’elenco possono presentare rinuncia espressa all’assegnazione entro le ore 23,59 del 27 agosto 2016, all’indirizzo PEC dgpersonalescuola@postacert.istruzione.it oppure

all’indirizzo PEO dgper.ufficio2@istruzione.it.

Le posizioni dei candidati rinunciatari verranno depennate dall’elenco di cui al D.D.G. prot. n. 902 del 24 agosto 2016 e si procederà ad una nuova assegnazione delle sedi regionali di destinazione secondo la posizione occupata nel predetto D.D.G. n. 902 del 24 agosto 2016.

Guida alla Contrattazione [...]

Guida alla Contrattazione integrativa d’istituto di  Rocco Callà

 

 

Il testo è offerto a soli 10 euro con un risparmio di 12 euro.

L'offerta è valida fino al 30 settembre.

 

Con l’avvento dell’autonomia scolastica le istituzioni scolastiche sono diventate sede di contrattazione integrativa. Il Capo d’istituto, nella sua nuova veste di Dirigente, assume la gestione e la responsabilità delle relazioni sindacali.

Il testo si propone di offrire ai Dirigenti scolastici una guida pratica alla conduzione delle relazioni sindacali nell’ambito delle istituzioni scolastiche.

In particolare, vengono esaminati gli istituti tipici delle relazioni sindacali, vale a dire l’informazione con i variegati aspetti del diritto di accesso delle RSU alla documentazione amministrativa e le regole sulla contrattazione integrativa d’istituto, nonché vengono esaminati gli aspetti della condotta antisindacale del Dirigente scolastico e gli strumenti di difesa davanti al giudice in caso di controversie sindacali.

Completano il testo

Schemi aggiornati di Contrattazione integrativa d’istituto - Relazione del Dirigente - Relazione tecnica del Direttore

 

 

L’acquisto  può avvenire mediante:

·      Bonifico: CODICE IBAN   IT 85  D  07601  01000 000035368109

·      Carta di Credito collegandosi al nostro sito www.euroedizioni.it“acquista on line”

·      versamento sul c/c postale n. 35368109,  intestato  a EUROEDIZIONI TORINO SRL, Via Gaetano Amati, 116/7 10078 Venaria Reale (TO).

Assegnazione del personale [...]

Assegnazione del personale docente alle istituzioni scolastiche

Il Miur ha emanato la nota 2819 del 22 agosto 2016 con cui precisa le “Procedure di avvio anno scolastico 2016/2017 relativamente all’assegnazione del personale docente alle istituzioni scolastiche” che dovranno seguire gli USR ai fini dell’assegnazione dei docenti di ruolo alle singole istituzioni scolastiche.

Abolita la legge di [...]

Abolita la legge di stabilità: Una nuova legge di riforma della contabilità di stato

E' stata pubblicata in gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore dal 9 settembre 2016 la nuova legge di riforma della contabilità di stato n.163 del 4 agosto 2016, n. 163 contenente modifiche alla legge 31 dicembre 2009, n. 196, concernenti il contenuto della legge di bilancio, in attuazione dell'articolo 15 della legge 24 dicembre 2012, n. 243.

Guida alla Contrattazione [...]

 

Guida alla Contrattazione integrativa d’istituto di  Rocco Callà

 

Il testo è offerto a soli 10 euro con un risparmio di 12 euro.

L'offerta è valida fino al 30 settembre

Libri di testo primaria: [...]

Libri di testo primaria: fissati i prezzi di copertina

Il MIUR ha pubblicato il DDMM n. 612 e 613 del 3 agosto 2016 con i  quali fissa i prezzi di copertina dei libri di testo della scuola primaria per l’anno scolastico 2016/2017 come indicato nell’allegata tabella A, che costituisce parte integrante del presente provvedimento.

DDMM n. 612 e  613: http://www.istruzione.it/allegati/2016/ddmm612_613_16.zip

 

 

Mobilità- Troppi errori, [...]

Mobilità- Troppi errori, tutto da rifare!

A fronte delle migliaia di errori di diversa tipologia e seriali evidenziati nella gestione della mobilità degli insegnanti, la FLC CGIL invita il MIUR a ritirare i trasferimenti pubblicatiapportare le modifiche a sistema nella programmazione, e rivedere tutto in modo corretto.

“Va rispettato il contratto sulla mobilità sottoscritto dal MIUR con i sindacati – ribadisce Flc Cgil - e vanno garantiti i diritti di graduatoria, di precedenza e di fase, di ciascun aspirante. In caso contrario si aprono scenari di procedimenti giudiziari ai quali noi, di certo, non ci sottraiamo.
L’Amministrazione deve garantire il valore delle regole nel rispetto delle persone e della dignità del loro lavoro: si è pronti ad affrontare sacrifici e adattamenti anche dopo anni di precariato, ma solo a patto che, alla base dei provvedimenti, sia legittima e trasparente la correttezza delle procedure.
Visto che questo è il Governo che tanto sbandiera la parola “meritocrazia”, ci si assuma le proprie responsabilità e, se incapaci, se ne traggano le dovute conseguenze”.

 

 

Concorso Docenti. Flc Cgil: [...]

Concorso Docenti. Flc Cgil: Parlamento indaghi sulle procedure

In un comunicato, la Flc Cgil invita il MIUR ad indagare sul numero delle bocciature alle prove scritte, diventato “talmente inquietante da occupare pagine intere di giornali nazionali: è possibile che non superi gli scritti un alto numero di docenti laureati con titoli universitari aggiuntivi, che hanno frequentato le scuole di abilitazione spesso nelle università in cui si sono laureati, che si sono specializzati nel sostegno, con anni di servizio sulle spalle?”

“È possibile che la fretta di voler licenziare il bando – si legge nel comunicato, - abbia prodotto una confusione tale da impedire alle commissioni di poter lavorare con la dovuta competenza?

È possibile che le prove non siano state congruenti con i titoli di studio?

È possibile che il piano nazionale delle assunzioni previsto dalla legge 107/15 abbia creato una implosione tale negli organici da bloccare almeno una parte delle circa 63 mila assunzioni previste dal bando?

Vorremmo chiederlo alla Ministra Giannini, non soltanto per un astratto dovere di rappresentanza, ma perché siamo convinti che la vera Buona Scuola abbia bisogno di un reclutamento serio, a partire da regole adeguate ai tempi nel concorso pubblico. Non servono i proclami della Ministra che valutano positivamente il suo operato, parlano i fatti, la condizione del personale di ruolo, le aspettative tradite di chi a questo concorso ha affidato il suo futuro.

Se il Ministero dell’Istruzione sceglie di rimanere sordo di fronte all’ennesimo dramma provocato da scelte insensate, il Parlamento ha il dovere di intervenire per tutelare la dignità della scuola pubblica e il futuro lavorativo di chi ha scelto di abilitarsi per insegnare nella scuola pubblica pensando di essere tutelato da regole rigorose, di chi insegna da anni con i titoli richiesti accompagnati dalla competenza e dal sacrificio.

Il sindacato è già accanto a loro, il Parlamento scelga di farlo se ritiene che l’Istruzione pubblica sia un valore costituzionale ancora da difendere”.

I numeri del MIUR su scrutini [...]

I numeri del MIUR su scrutini ed esami alle medie e alle superiori

Maturità 2016, aumentano gli studenti che conseguono il diploma con una votazione sopra l’80, mentre continuano a calare i 60. In (lieve) aumento i 100 e i 100 e lode. All’Esame del I grado passa il 99,8% dei candidati. Mentre 1 ragazzo su 4, nelle scuole secondarie di II grado, dovrà colmare a settembre una o più insufficienze, anche se le performance degli studenti registrano un generale miglioramento: calano i bocciati. Sono i dati sugli Esami di Stato e gli scrutini finali che emergono dalle rilevazioni condotte dal Miur. Il quadro completo e definitivo sarà pubblicato in appositi Focus.

 

Maturità 2016, migliorano i risultati dei candidati

All’Esame di quest’anno è stato ammesso il 96% degli alunni di quinta. Il 99,5% dei maturandi ha ottenuto la promozione, con un leggero incremento (era il 99,4%) rispetto al 2015. Aumenta il numero di studenti, dal 62,2% al 63,1%, che prende un voto superiore ai 70 centesimi. In particolare, i 100 aumentano, passando dal 4,9% al 5,1%, così come crescono le votazioni 91-99, che salgono dall’8,4% all’8,6%, e quelle 81-90, dal 18,7% al 19,1%. Stabili al 29,2% i voti fra il 71 e l’80 mentre diminuiscono i voti più bassi: i 61-70 scendono dal 29,3% al 28,9% e i 60 dall’8,6% all’8%. In leggero aumento anche i diplomati con lode: sono l’1,1%, rispetto allo 0,9% dell’anno scorso. Le Regioni con il maggior numero di ‘super bravi’ sono: Puglia (934 lodi), Campania (713), Sicilia (500).

Le votazioni dei liceali sono mediamente più alte: l’1,9% ha conseguito la lode, il 7,3% il 100, il 10,8% ha preso tra 91 e 99, il 22,2% tra 81 e 90. Ma le performance dei candidati sono in miglioramento anche nei Tecnici e nei Professionali dove aumentano i 100 e i voti sopra il 70. Fra gli indirizzi liceali, a primeggiare nelle votazioni più alte sono gli studenti del classico.

 

Scrutini di fine anno, bocciati in calo

Nel II grado scende la percentuale dei bocciati: dal 9% del 2015 al 7,7% di quest’anno. I non ammessi si concentrano soprattutto nel primo anno: sono il 12,3% (13,7% lo scorso anno), confermando il dato della maggior difficoltà che gli studenti incontrano nel passaggio dal I al II grado. La percentuale di non promossi è del 12,4% negli Istituti professionali, seguono gli Istituti tecnici con l’9,8% e i Licei con il 4,3%, percentuali comunque tutte in calo rispetto al 2015.
Diminuiscono gli studenti con giudizio sospeso, dal 25% del 2015 al 23,2% di quest’anno, concentrati maggiormente negli Istituti tecnici (27,3%%), seguiti da Professionali (25,4%) e Licei (19,6%). Per un ragazzo su quattro si profila, dunque, un’estate di ripassi. La Regione con più promossi è l’Umbria con il 75,7% di ammessi all’anno successivo. Seguono Puglia (75,6%), Molise (74,8%), Calabria (74,5%). Il maggior numero di sospensioni dal giudizio è in Sardegna (29%), seguita da Lombardia (26,3%) e Toscana (25,3%). La Sardegna registra anche la più elevata percentuale di bocciature (11,9%), seguono Campania (9,3%) e Sicilia (8,5%).

 

La scuola secondaria di I grado

La percentuale degli ammessi all’Esame del I grado cresce lievemente rispetto allo scorso anno: dal 97,2% al 97,6%. Stabile invece il numero dei ragazzi che hanno poi superato l’esame: 99,8%. Aumenta, infine, il numero degli ammessi alla classe successiva: 97,4% rispetto al 96,9% dello scorso anno.

Scrutini: http://www.istruzione.it/allegati/2016/EsitiScrutini1516.pdf

Esami Secondarie di II grado :

http://www.istruzione.it/allegati/2016/Esiti_EsamidiStato_Scuole_secondarieIIgrado_1516.pdf

Maturità_Lodi: http://www.istruzione.it/allegati/2016/Maturita1516_Lodi.pdf

Nel nuovo sistema di classificazione  delle qualifiche professionali del personale ATA delineato dal CCNl 2003 sono previste due forme di progressione:


-          una progressione economica di tipo orizzontale, finalizzata a conseguire una retribuzione più elevata (art.7 del CCNL 7/12/2006);
-          una progressione giuridica di tipo verticale, finalizzata a conseguire una posizione organizzativa più elevata (artt 48 e 49 del CCNL 2003).

La progressione economica di tipo orizzontale di cui al richiamato art.7 riguarda solo il personale a tempo indeterminato e solo i profili professionali dell’area A e dell’area B.
L’importo di ciascuna di tali posizioni economiche è stato stabilito in :
-          330 euro annui da corrispondere per tredici mensilità per il personale dell’area A;
-          1000 euro annui da corrispondere per tredici mensilità al personale dell’area B

Le posizioni economiche sono attribuite non a tutto il personale in servizio ma solo al personale  che in base ai titoli posseduti e alla frequenza di un apposito corso di formazione si collochi favorevolmente nella graduatoria di merito.
A conclusione del corso di formazione la direzione scolastica regionale compila e pubblica la graduatoria di coloro che hanno frequentato il corso con esito positivo ed hanno diritto all’attribuzione della posizione economica.
La graduatoria  è provinciale  e comprende per ciascun profilo professionale  in ordine decrescente di punteggio i nominativi, di coloro che hanno titolo a conseguire il beneficio economico.
Quali compiti è chiamato a svolgere il personale destinatario delle nuove posizioni economiche.
L’art.4  dell’accordo stabilisce che all’inizio dell’anno scolastico 2006/2007 il personale utilmente collocato nella graduatoria di merito ed inserito nelpercorso di formazione, è individuato  nel piano delle attività del personale ATA predisposto dal DSGA, quale titolare per lo svolgimento delle ulteriori mansioni stabilite  dal comma 3 dell’articolo 7 del CCNL 7 dicembre 2006:
“Al personale delle Aree A e B cui, per effetto delle procedure di cui sopra, sia attribuita la posizione economica, sono affidate, in aggiunta ai compiti previsti dallo specifico profilo, ulteriori e più complesse mansioni concernenti:
- per l’Area A, relativa ai collaboratori scolastici è prevista l’assistenza agli alunni diversamente abili e l’organizzazione degli interventi di primo soccorso;
- per l’Area B, compiti di collaborazione amministrativa e tecnica caratterizzati da autonomia e responsabilità operativa e, in particolare,  per gli Assistenti Amministrativi il percorso di valorizzazione è volto allo sviluppo delle competenze relative alla gestione dei processi amministrativi e contabili, nonché alla sostituzione del DSGA;
mentre per gli Assistenti Tecnici all’organizzazione del piano di utilizzo dei laboratori, alla gestione dei beni dell’istituzione scolastica, al supporto tecnico per la gestione dei progetti previsti dal POF.
Al personale che consegue la posizione economica non possono essere attribuiti ulteriori incarichi specifici ai sensi dell’art. 47 del CCNL 24.07.03.
In considerazione di tale esclusione poiché ci si è resi conto che l’importo delle nuove posizioni economiche sono inferiori a quelle degli incarichi specifici, per porre rimedio e garantire almeno una parità economica tra chi sarà destinatario degli incarichi specifici e chi è obbligato a svolgere i compiti connessi alla nuova posizione economia con l’art.4 dell’accordi  è stato previsto che in sede di contrattazione di scuola nella definizione dell’organizzazione del lavoro si dovrà tenere conto delle ulteriori mansioni affidate al personale  connesse alle posizioni economiche, che escludono l’attribuzione degli incarichi e dei compiti previsti dall’articolo47 del CCNL 24 luglio 2003, ivi compresa, per il profilo dell’assistente amministrativo, la sostituzione del Dsga.

La norma di salvaguardia stabilisce che: “nel caso in cui  in talune istituzioni, nell’ambito dell’organizzazione del lavoro, sia previsto , ai sensi dell’articolo 47 citato, l’affidamento di incarichi specifici o di compiti di pari complessità - rispetto alle ulteriori mansioni disciplinate dal presente Accordo - ma comportanti, sulla base di quanto stabilito dalla contrattazione di scuola, un compenso superiore a quello riconosciuto ai titolari delle posizioni economiche di cui all’articolo 7 del menzionato CCNL del 7 dicembre 2005, resta demandata alla stessa sede di contrattazione la possibilità di disciplinare l’eventuale compensazione economica necessaria per assicurare la parità di trattamento tra le due retribuzioni. Ai fini suddetti, si attingerà alle risorse assegnate alla scuola ai sensi dell’art. 47, ferma restando la natura accessoria dell’eventuale integrazione compensativa adottata.
Pertanto, qualora nel piano annuale delle attività predisposto dal Direttore SGA e adotato dal Dirigente siano previste  attività che comportano l’assunzione di ulteriorin responsabilità necessarie  per la realizzazione del piano dell’offerta formativa, da affidare al personale titolare delle nuove posizioni economiche, è possibile assegnare un compenso superiore assicurando così parità di trattamento tra le due retribuzioni. 
Quota incarico specificoQuota art.7
€ 1032,91 *€1000
€ 619,75*€330
*mentre l’importo per l’art.7 dell’Accordo non è oggetto di contrattazione, il numero degli incarichi specifici e l’importo dell’incarico di cui all’art.47 del CCNL può essere modificato in sede di contrattazione d’istituto

 

Resta inteso che il diverso importo economico deve essere oggetto di contrattazione con la RSU e  le maggiori risorse finanziare necessarie  per retribuire le attività sono a carico del budget assegnato per le attività di cui all’art. 47 del CCNL 2004 dall’USR.  
La RSU relativamente agli incarichi specifici deve stabilire: 
1.       le modalità di utilizzazione del personale in rapporto al POF;
2.       criteri per l’attribuzione degli incarichi specifici
3.       i criteri per l’attribuzione di maggiori e complesse attività da assegnare al titolare della funzione di cui all’art.7 dell’Accordo
4.       la determinazione del compenso annuo per gli incarichi specifici (tendo presente il budget di riferimento comunicato dall’USR e degli eventuali avanzi dell’anno precedente);
5.       l’eventuale compenso aggiuntivo al personale titolare delle nuove posizioni economiche;
6.       i criteri per l’eventuale assegnazione dell’incarico a personale in regime di part-time, di assenza prolungata o dimissioni nel corso dell’anno;
7.       criteri per l’eventuale assegnazione di attività specifiche legate al raggiungimento degli obiettivi del POF  Sulla base dei criteri e dei compensi definiti nella contrattazione d’istituto il dirigente procede al conferimento degli incarichi specifici ed assegna agli incarichi relativi alle nuove posizioni economiche.   

MODELLI  
Assegnazione posizione economica


Prot._______       Data,_______          Al Sig. ______________________  
 

Prot._______       Data,_______          Al Sig. ______________________  
 

Prot._______       Data,_______          Al Sig. ______________________  
 

Prot._______       Data,_______          Al Sig. ______________________  
 

Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Amministrativo.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005
 In considerazione della utile posizione occupata dalla S.V. nella graduatoria di merito di cui all’art.7 del CCNL 7/12/2006 e tenuto conto dell’accordo di contrattazione d'istituto siglato in data  …….., e del piano delle attività del personale ATA approvato con atto dello scrivente in data ……….. nonché dello specifico  percorso formativo seguito, si affida il seguente incarico che comprende  lo svolgimento delle seguenti  attività: "Attività area allievi" Descrizione dei compiti assegnati:
Le mansioni affidate hanno l'obiettivo di gestire la carriera scolastica  dell'allievo per arrivare, anche alla luce della riforma, a certificarne le competenze.
L'assistente destinatario della funzione avrà il compito di:
1. coordinare il personale dell'area;
2. verificare e controllare la correttezza delle procedure;3
. verificare l'applicazione della normativa vigente;
4. verificare la correttezza degli atti aventi rilevanza esterna;
5. verificare la certificazione rilasciata all'utenza;
6.controllare e  verificare l'intera documentazione relativa al percorso curriculare edextracurriculare degli allievi anche con riferimento alla riforma. 
 

Sintesi attività a cura dell'ufficio e di cui la funzione dell'area deve avere piena conoscenza:

·          verifica della documentazione:
·          capacità di adottare procedure organizzative per la raccolta dei dati anagrafici (autocertificazione) necessari per la compilazione del libretto dello studente;
·          capacità di trasferire i dati riportati sui documenti a Sistema (SISSI in Rete).
·          aggiornamento libretto dello studente:
·          conoscenza della normativa a partire dal RD 653/25 fino alla L.28 marzo 2003, n. 53 (Riforma Moratti);
·          registrazione dei dati anagrafici degli studenti in ingresso;
·          aggiornamento della sezione crediti, debiti ed esami;
·          capacità di rapportarsi con i colleghi del front office per la gestione della documentazione.
·          gestione del software delle certificazioni e  raccolta documentazione finale:
·          raccolta documentazione per certificazioni relative alle competenze curriculari ed extracurriculari;
·          registrazione dei risultati finali nel Sistema informatico;
·          stampa registri obbligatori.
·          verifica versamenti tasse e contributi:
·          attivazione procedura relativa al versamento delle tasse e contributi scolastici (dalla delibera del C.I. ai riepiloghi finali da allegare alla reversale);
·          gestione, in coerenza con le linee guida del CI, di tutti i contributi  agli alunni in situazione di disagio;
·          gestione viaggi di istruzione per la parte relativa agli allievi (dalla richiesta del docente al versamento della quota di partecipazione).   
·          Infortuni:
·          raccolta documentazione;
·          tenuta del registro obbligatorio;
·          denuncia agli organi competenti in linea con la normativa vigente;
·          trasmissione documentazione alla società assicurativa;          
Per lo svolgimento del predetto incarico  le sarà corrisposto un compenso annuo lordo di euro …. Da corrispondersi per  tredici mensilità.  Le ricordo che lo svolgimento del predetto incarico costituisce obbligo di servizio  e comporta un’’assunzione di responsabilità ulteriore rispetto agli ordinari compiti del profilo di appartenenza. 

 IL DIRIGENTE SCOLASTICO


Assegnazione posizione economica Prot._______       Data,_______                                         
Al Sig. _____________________________________________________  
Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Scolastico.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005 
 

Assegnazione posizione economica Prot._______       Data,_______                                         
Al Sig. _____________________________________________________  
Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Scolastico.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005 
 

Assegnazione posizione economica Prot._______       Data,_______                                         
Al Sig. _____________________________________________________  
Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Scolastico.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005 
 

Assegnazione posizione economica Prot._______       Data,_______                                         
Al Sig. _____________________________________________________  
Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Scolastico.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005 
 

In considerazione della utile posizione occupata dalla S.V. nella graduatoria di merito di cui all’art.7 del CCNL 7/12/2006 e tenuto conto dell’accordo di contrattazione d'istituto siglato in data  …….., e del piano delle attività del personale ATA approvato con atto dello scrivente in data ……….. nonché dello specifico  percorso formativo seguito, si affida il seguente incarico che comprende  lo svolgimento delle seguenti  attività:
Attività supporto hc”
 Descrizione dei compiti assegnati:
L’incarico consiste nel prestare ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alla struttura scolastica, all’interno e all’uscita, nonché nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale. 
Per lo svolgimento del predetto incarico  le sarà corrisposto un compenso annuo lordo di euro …. da corrispondersi per  tredici mensilità.Le ricordo che lo svolgimento del predetto incarico costituisce obbligo di servizio  e comporta un’’assunzione di responsabilità ulteriore rispetto agli ordinari compiti del profilo di appartenenza.  

IL DIRIGENTE SCOLASTICO


Copyright © 2010 Euroedizioni Torino
Via G. Amati 116/7 - 10078 Venaria Reale (TO)
Tel. +39 0112264714 Fax. +39 011 2730803 P.I. 07009890018

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo