Ultime notizie

Concorso Docenti. Per [...]

Concorso Docenti. Per Giannini è “concorso epocale”

Intervistata a “Rainews 24”, in merito alle prove del concorso il ministro Giannini ha dichiarato: “Saranno prove innovative che tengono conto che gli aspiranti docenti che faranno il concorso sono tutti abilitati quindi abbiamo già avuto modo di verificare le loro competenze e conoscenze delle materie per cui si presentano. Quello che ci interessa è verificare come sanno insegnare, quindi sia nell'orale che nello scritto prevarrà la metodologia che ci consentirà di vedere se saranno dei buoni insegnanti”. E ancora una volta ha ribadito, con enfasi:“Questo è storicamente il concorso più grande che la scuola italiana abbia mai organizzato. Finalmente si torna alla Costituzione dopo tantissimi anni in cui i concorsi erano stati bloccati. Ricordo che l’età media di questi aspiranti docenti è un po' meno di 39 anni, avremo quindi un abbattimento dell’età media. Il concorso è triennale e i primi vincitori andranno in cattedra a settembre”.

Tornando al requisito della abilitazione quale titolo di accesso al concorso, ha ulteriormente precisato che il l’abilitazione è un titolo fondamentale: “Non è un caso che il concorso lo abbiamo aperto agli insegnanti che avevano già preso questa patente per l'insegnamento. Tuttavia l'abilitazione non è il concorso. La cattedra si ottiene attraverso una selezione pubblica come previsto dalla Costituzione”.

 

Concorso Docenti. Partite le [...]

Concorso Docenti. Partite le prove scritte. Miur:Tutto regolare

Partite le prove scritte del nuovo concorso per insegnanti previsto dalla legge Buona Scuola. Sono 63.712 i posti disponibilisu tre bandi: infanzia e primaria (24.232), secondaria di I e II grado (33.379), sostegno (6.101). Le domande di partecipazione al concorso si sono chiuse lo scorso 30 marzo: sono 165.578 le istanze pervenute. L'85,2% delle domande è stato inoltrato da donne. Il 63,1% delle domande proviene da candidati che hanno meno di 40 anni. L’età media generale è 38,6 anni.

Subito dopo l’avvio delle prove, il MIUR ha confermato che “il concorso è partito regolarmente” e che non risultano problemi segnalati da vari siti. L’annuncio è stato fatto anche in risposta ad alcune notizie sui social che riferivano di interventi di carabinieri in alcune sedi a seguito di segnalazioni di irregolarità

Le prove scritte andranno avanti fino al 31 maggio prossimo. Imponente la macchina organizzativa. Sono infatti oltre 2.500 le sedi d’esame,139 le classi di concorso coinvolte a fronte delle 31 della selezione del 2012. Per gli scritti sono state elaborate 93 tipologie di prova.

La prova prevede 8 domande che riguardano la materia di insegnamento di cui 2 in lingua straniera (inglese, francese, tedesco o spagnolo, obbligatoriamente l’inglese per la primaria). I quesiti saranno: 6 a risposta aperta (di carattere metodologico/didattico e non nozionistico) e 2 (quelle in lingua) a risposta chiusa. Lo scritto avrà una durata di 150 minuti. Mentre sono previsti 45 minuti per l’orale: 35 per una lezione simulata e 10 di interlocuzione fra candidato e commissione. Nella valutazione dei titoli si valorizzeranno, fra l’altro, i titoli abilitanti, il servizio pregresso, il dottorato di ricerca, le certificazioni linguistiche.

Per consentire ai candidati di familiarizzare con la procedura d’esame nella giornata di oggi il Miur ha messo a disposizione un video tutorial sul proprio canale YouTube (https://www.youtube.com/watch?v=W6UXEDbqt_0) .

 

 

Concorso Dirigenti. Bando [...]

Concorso Dirigenti. Bando forse in estate

Il bando per il prossimo concorso per dirigenti scolastici potrebbe essere pubblicato nel corso dell’estate. Il nuovo regolamento del concorso, in fatti, è in fase di ultimazione.

La commissione che si sta occupando del regolamento è attualmente impegnata a definire i titoli che determineranno la soglia dei 5 anni minimi di servizio per accedere alle prove. A scopo, sembra che si voglia prendere in considerazione anche il periodo di precariato.

La parte rilevante del nuovo regolamento dovrà concernere la formazione dei prossimi vincitori, che sarà fatta direttamente dal Miur e non più dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione. Peraltro, c’è da sciogliere il nodo del finanziamento del funzionamento della SNA, che la legge 107/2015, al comma 203, aveva previsto di incrementare di 1 milione di euro proprio per l’espletamento della procedura concorsuale per accedere ai ruoli della dirigenza scolastica.

Ricordiamo che, con i prossimi pensionamenti, il numero delle dirigenze vuote saranno circa 2.000 su circa 8.500 istituti autonomi complessivi.

Il Sottosegretario Faraone [...]

Il Sottosegretario Faraone rivela: Ho una figlia autistica

Da un’intervista al Corriere della Sera apprendiamo che il Sottosegretario Davide Faraone ha una figlia con sindrome autistica, un’ammissione pubblica che apre ad una diversa attenzione nei confronti del politico che, lasciando il posto al padre, confessa: “Non ne parlavo, non volevo si sapesse». Una forma di protezione, «ma non solo, tenevo nascosta la sua disabilità”. Fino a 20 mesi, Sara, che adesso ha 11 anni, era precocissima, più sveglia degli altri bimbi. “Non ci eravamo accorti di nulla, ma quando per l’ennesima volta l’abbiamo trovata all’asilo da sola, lontana dagli altri, l’abbiamo portata da uno specialista che ha pronunciato quella parola:autismo. Beh, lì ti cambia la vita, niente è più come prima”. Autismo, una parola terribile e oscura, una patologia che ti sconvolge la vita, che incide sulla organizzazione personale, familiare, amicale.

Diventato un uomo delle istituzioni, Faraone ha capito che doveva usare il suo ruolo istituzionale e “fare qualcosa per lei e tutti i bambini con una disabilità”, andando oltre le fiaccolate di solidarietà e la testimonianza personale. Da qui l’idea, nel 2015, di creare la Fondazione italiana autismo, che il 2 aprile scorso ha mobilitato migliaia di persone per la giornata mondiale sull’autismo.

La recente vicenda dei ragazzi autistici esclusi dalla gita scolastica gli ha richiamato alla mente quando la figlia non veniva invitata alle feste di compleanno, o non veniva fatta partecipare alla recita di Natale perché non c’era nessuna parte che si adattasse a lei.

Particolarmente interessante è la focalizzazione sugli aspetti burocratici connessi alla disabilità, di come si si senta feriti nel dovere “ogni anno rifare mille domande per riavere l’insegnante di sostegno”. Occorre semplificare, riconosce Faraone, attraverso un unico sportello cui rivolgersi, perché le ASL funzionano in maniera difforme l’una dall’altra creando “enormi disparità”.

Ha dunque peso l’appoggio che il sottosegretario vuol dare alla legge delega di riforma sul settore del sostegno:“Ci accusano di voler portare i terapisti in classe, vogliamochechifaràl’insegnante di sostegno sia preparato, bisogna partire dagli studenti, non è una questione  sindacale. Bisogna creare una rete con insegnanti, associazioni, genitori: la scuola non può fare tutto da sola e per tante famiglie è l’unico luogo protetto per i propri figli”

Maturità 2016. Prima [...]

Maturità 2016. Prima riunione plenaria delle commissioni il prossimo 20 giugno

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini ha firmato l’ordinanza relativa agli Esami di Stato conclusivi del secondo ciclo di istruzione.

Entro il prossimo 15 maggio i consigli di classe dovranno predisporre il documento da consegnare alle commissioni con tutte le indicazioni relative al percorso formativo seguito dai loro studenti, con quegli elementi che potranno essere valorizzati, in particolare, nella terza prova o in sede di colloquio.

§  Prima riunione plenaria delle commissioni: lunedì 20 giugno alle ore 8.30.

§  Pima prova scritta, italiano: mercoledì 22 giugno 2016 alle ore 8.30, per una durata massima di 6 ore.

§  Seconda prova: giovedì23 giugno alle ore 8.30. La durata è per tutti di 6 ore, tranne che per alcuni indirizzi come il Liceo musicale, coreutico, artistico, dove la prova si svolge in due o più giorni.

§  Terza prova, diversa per ciascuna scuola: lunedì 27 giugno alle 8.30.

Anche quest’anno la commissione, nella predisposizione della terza prova, potrà tenere conto, ai fini dell'accertamento delle competenze, abilità e conoscenze, anche delle esperienze condotte in alternanza scuola lavoro, stage e tirocinio, e della disciplina non linguistica insegnata tramite la metodologia CLIL. Il colloquio orale potrà partire da eventuali esperienze condotte in alternanza o in tirocinio.

Novità del 2016, la consegna ai neodiplomati, insieme al diploma, del Supplemento Europass al Certificato, un documento diffuso e riconosciuto dall’Unione Europea che descrive le competenze degli studenti e le attività professionali cui possono accedere. I Supplementi, diversi per ciascun indirizzo di studio ed elaborati per l’Italia dal MIUR e dal Centro Nazionale Europass presso l’Isfol, favoriranno la mobilità per motivi di studio o di lavoro anche al di fuori dell’Italia.Non sostituiscono il titolo di studio o la certificazione delle competenze, ma renderanno il percorso di studio più chiaro e il diploma finale più comprensibile e più spendibile nel mondo del lavoro.

Ordinanza: Scarica

 

 

Innovazione digitale, [...]

Innovazione digitale, formazione per 157.000

Il MIUR avvia la formazione su innovazione didattica e amministrativa. Dopo le attività avviate nelle scorse settimane con gli animatori digitali, si allarga la platea del personale coinvolto. Saranno infatti 157.000 gli operatori che verranno formati fra maggio 2016 e dicembre 2017 nell'ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale e del Pon Istruzione. 

In particolare, da oggi e fino al 29 aprile i Dirigenti Scolastici e i Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi potranno iscriversi alla formazione prevista dal PON Istruzione su Innovazione didattica e amministrativa attraverso una apposita piattaforma. Per facilitare l'adesione ai corsi il Miur ha messo a disposizione sul proprio canale YouTube un video tutorial che sintetizza procedure e scadenze  (https://www.youtube.com/watch?v=oHotoWuzcJ4)

Sarà on line, entro fine aprile, anche una piattaforma con appositi contenuti formativi a cui potranno fare riferimento i destinatari della formazione e i poli formativi. Fra i temi che verranno trattati (la formazione riguarderà tutto il personale scolastico) la digitalizzazione dei percorsi gestionali, la digitalizzazione amministrativa, la fatturazione elettronica, la robotica educativa, sviluppo del pensiero computazionale, creatività digitale nella didattica. Sulla piattaforma saranno disponibili contenuti video realizzati da esperti del settore e un messaggio del Ministro Stefania Giannini.

Il video tutorial: https://www.youtube.com/watch?v=oHotoWuzcJ4

La pagina web dedicata al PON per la Scuola:

http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/pon/2014_2020

Il sito del Piano Nazionale Scuola Digitale: http://www.istruzione.it/scuola_digitale/index.html

 

 

Bonus docenti. Dal 26 aprile [...]

Bonus docenti. Dal 26 aprile disponibile piattaforma dedicata

Comunicato Miur su Bonus docenti e avvio della piattaforma dedicata ai Comitati di Valutazione.

In vista della distribuzione delbonusper la valorizzazione del merito dei docenti il MIUR ha predisposto un servizio di monitoraggio e di attività di supporto alle scuole.

Quest’anno – ribadisce il comunicato -, per la prima volta, grazie alla legge ‘Buona Scuola’ gli istituti scolastici saranno dotati di un budget - una media di 23.000 euro ciascuno - da distribuire fra gli insegnanti che si sono distinti per la loro capacità di innovare la didattica, di potenziare le competenze degli studenti, per il contributo dato al miglioramento della comunità scolastica.

Nei giorni scorsi il Ministero ha inviato alle scuole una circolare con alcuni approfondimenti relativi alle modalità di erogazione delbonuse alla composizione dei Comitati di valutazione. È stato specificato, ad esempio, che il bonusnon potrà essere assegnato a tutti i docenti ma neppure attribuito ad una cerchia troppo ristretta di insegnanti, nell’ottica di una reale valorizzazione del merito.

“Quella del bonusè una novità assoluta per il nostro Paese – ricorda il Ministro Stefania Giannini – per la prima volta disponiamo di uno strumento concreto di valorizzazione ulteriore del lavoro dei docenti. Con la Buona Scuola abbiamo destinato a questo scopo risorse aggiuntive, 200 milioni all’anno che rappresentano un investimento sulla qualità, uno strumento per dare un riconoscimento in più a quei docenti che, secondo il giudizio della loro comunità scolastica, meritano di essere particolarmente valorizzati".

Data la novità assoluta delbonusil Ministero ha deciso di avviare un monitoraggio attraverso tre schede di rilevazione per conoscere la composizione finale dei comitati di valutazione, quali criteri si stanno dando le scuole per valorizzare i docenti, le modalità di distribuzione del bonus. Il monitoraggio servirà anche ad individuare buone pratiche da condividere attraverso una specifica piattaforma. Viene infine messo a disposizione delle scuole un ambiente on-line, disponibile dal 26 aprile, per offrire supporto ai Comitati di valutazione in questa prima fase di attuazione.

Il monitoraggio avverrà attraverso tre schede:

1.     La composizione del Comitato di valutazione: apertura il 26 aprile 2016 - chiusura il 6 maggio 2016

2.     La definizione dei criteri per la valutazione: apertura il 26 aprile 2016 - chiusura il 6 maggio 2016

3.     L’utilizzo del bonus: apertura 20 giugno 2016 – chiusura 31 agosto 2016-

Le schede di monitoraggio SI trovano nel Portale della valutazione nell'area "docenti" (http://www.istruzione.it/snv/docenti.shtml). in CUI è stata prevista un'apposita sezione a cui il Dirigente scolastico potrà accedere utilizzando le stesse credenziali del Rapporto di autovalutazione (per problemi tecnici nell’utilizzo delle funzioni è possibile contattare il numero verde del servizio di assistenza del MIUR: 800 903 080, mentre per eventuali comunicazioni, che non riguardano gli aspetti tecnici, la e-mail di riferimento è: valutazione.scuole@istruzione.it).

Il MIUR ha chiesto all'INDIRE di predisporre un ambiente di informazione rivolto a tutti i componenti dei Comitati di Valutazione. L'ambiente online è reperibile dal 26 aprile 2016 all'indirizzo http://miglioramento.indire.it/.

La circolare:

http://www.istruzione.it/snv/allegati/MonitoraggioPersonaleDocente.pdf

 

Scuola non statale. Firmata [...]

Scuola non statale. Firmata ipotesi di rinnovo contrattuale AGIDAE

In un comunicato unitario del 19 aprile, le OO.SS. FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS, SINA SCA, danno notizia che il 13 aprile è stata firmata l’ipotesi di rinnovo contrattuale con l’AGIDAE:

Il comunicato:

“Il 13 aprile scorso dopo un confronto durato oltre due anni è stato raggiunto con l’AGIDAE l’accordo per il rinnovo del CCNL 2016/2018 che le OO.SS. FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola, SNALS e SINASCA giudicano positivamente, sia per quanto riguarda la parte economica, sia per le modifiche introdotte nella parte normativa. In particolare le OO.SS. valutano positivamente il superamento del cosiddetto salario d’Ingresso per i nuovi assunti entro la vigenza del presente contratto. Tale superamento infatti ripristina un trattamento uniforme per tutto il personale in servizio negli istituti e nelle scuole che applicano tale contratto.

Viene inoltre considerato l’aumento retributivo a regime di 110 euro un risultato apprezzabile in quanto consente ai dipendenti impegnati nel settore di avere una interessante rivalutazione salariale. Le OO.SS., e l’AGIDAE infine hanno convenuto, con un preciso accordo a latere del CCNL in questione di introdurre in via sperimentale a tutti i lavoratori in servizio, a decorrere dall'1 settembre 2016, l’Assistenza Sanitaria Integrativa (ASI) con un contributo pari a 5 (cinque) euro mensili per ogni lavoratore a carico del datore di lavoro.

Nei prossimi giorni le OO.SS. sottoporranno, unitariamente ove possibile o singolarmente l’intesa alle lavoratrici ed ai lavoratori ed agli organismi dirigenti per la definitiva approvazione e relativa sottoscrizione del CCNL AGIDAE 2016/2018.

 

Concorso Docenti. I permessi [...]

Concorso Docenti. I permessi per partecipare alle prove

Sul sito di FLC CGIL è disponibile uno “speciale” nel quale vengono elencate le regole contrattuali per permessi e assenze previsti per la Scuola Statale e non statale, la Formazione professionale, l’Università, la Ricerca e l’AFAM.

Info:Concorso docenti: i permessi per partecipare alle prove

 

Vicende bambini autistici. [...]

Vicende bambini autistici. Faraone: ripensare il sostegno

Il sottosegretario Faraone interviene che hanno interessato diversi alunni affetti da sindrome autistica in Toscana e in Molise. Questi casi, ha detto Faraone, intervistato dall’Ansa, “sono la conferma di quanto diciamo ormai da tempo, ovvero che va ripensata l'idea del sostegno”, e che l’organizzazione del sostegno “non deve essere demandata al singolo alunno, ma all'intera classe e all'intera comunità scolastica”.

Intervenendo poi al convegno “L'inclusione degli alunni con disturbo del neuro sviluppo”, presso l'Istituto Di Marzio-Michetti di Pescara, ha ribadito che “Il nostro Paese è all'avanguardia nell'inclusione scolastica e questo ci viene riconosciuto anche a livello mondiale, ma dobbiamo ancora lavorare per eliminare le sacche di ipocrisia che in alcuni casi possono permanere”. Quindi ha confermato che il Governo sta lavorando alla delega sul sostegno, prevista dalla legge 107 del 2015, “proprio per fare della scuola un luogo sempre più inclusivo, e con la scuola anche l'intera società”. Infine, Faraone ha ricordato che l’attuale Parlamento “per la prima volta ha dotato il Paese di una legge sull' autismo ed è impegnato nell'elaborazione di una legge sul cosiddetto 'dopo di noi'”

Nel nuovo sistema di classificazione  delle qualifiche professionali del personale ATA delineato dal CCNl 2003 sono previste due forme di progressione:


-          una progressione economica di tipo orizzontale, finalizzata a conseguire una retribuzione più elevata (art.7 del CCNL 7/12/2006);
-          una progressione giuridica di tipo verticale, finalizzata a conseguire una posizione organizzativa più elevata (artt 48 e 49 del CCNL 2003).

La progressione economica di tipo orizzontale di cui al richiamato art.7 riguarda solo il personale a tempo indeterminato e solo i profili professionali dell’area A e dell’area B.
L’importo di ciascuna di tali posizioni economiche è stato stabilito in :
-          330 euro annui da corrispondere per tredici mensilità per il personale dell’area A;
-          1000 euro annui da corrispondere per tredici mensilità al personale dell’area B

Le posizioni economiche sono attribuite non a tutto il personale in servizio ma solo al personale  che in base ai titoli posseduti e alla frequenza di un apposito corso di formazione si collochi favorevolmente nella graduatoria di merito.
A conclusione del corso di formazione la direzione scolastica regionale compila e pubblica la graduatoria di coloro che hanno frequentato il corso con esito positivo ed hanno diritto all’attribuzione della posizione economica.
La graduatoria  è provinciale  e comprende per ciascun profilo professionale  in ordine decrescente di punteggio i nominativi, di coloro che hanno titolo a conseguire il beneficio economico.
Quali compiti è chiamato a svolgere il personale destinatario delle nuove posizioni economiche.
L’art.4  dell’accordo stabilisce che all’inizio dell’anno scolastico 2006/2007 il personale utilmente collocato nella graduatoria di merito ed inserito nelpercorso di formazione, è individuato  nel piano delle attività del personale ATA predisposto dal DSGA, quale titolare per lo svolgimento delle ulteriori mansioni stabilite  dal comma 3 dell’articolo 7 del CCNL 7 dicembre 2006:
“Al personale delle Aree A e B cui, per effetto delle procedure di cui sopra, sia attribuita la posizione economica, sono affidate, in aggiunta ai compiti previsti dallo specifico profilo, ulteriori e più complesse mansioni concernenti:
- per l’Area A, relativa ai collaboratori scolastici è prevista l’assistenza agli alunni diversamente abili e l’organizzazione degli interventi di primo soccorso;
- per l’Area B, compiti di collaborazione amministrativa e tecnica caratterizzati da autonomia e responsabilità operativa e, in particolare,  per gli Assistenti Amministrativi il percorso di valorizzazione è volto allo sviluppo delle competenze relative alla gestione dei processi amministrativi e contabili, nonché alla sostituzione del DSGA;
mentre per gli Assistenti Tecnici all’organizzazione del piano di utilizzo dei laboratori, alla gestione dei beni dell’istituzione scolastica, al supporto tecnico per la gestione dei progetti previsti dal POF.
Al personale che consegue la posizione economica non possono essere attribuiti ulteriori incarichi specifici ai sensi dell’art. 47 del CCNL 24.07.03.
In considerazione di tale esclusione poiché ci si è resi conto che l’importo delle nuove posizioni economiche sono inferiori a quelle degli incarichi specifici, per porre rimedio e garantire almeno una parità economica tra chi sarà destinatario degli incarichi specifici e chi è obbligato a svolgere i compiti connessi alla nuova posizione economia con l’art.4 dell’accordi  è stato previsto che in sede di contrattazione di scuola nella definizione dell’organizzazione del lavoro si dovrà tenere conto delle ulteriori mansioni affidate al personale  connesse alle posizioni economiche, che escludono l’attribuzione degli incarichi e dei compiti previsti dall’articolo47 del CCNL 24 luglio 2003, ivi compresa, per il profilo dell’assistente amministrativo, la sostituzione del Dsga.

La norma di salvaguardia stabilisce che: “nel caso in cui  in talune istituzioni, nell’ambito dell’organizzazione del lavoro, sia previsto , ai sensi dell’articolo 47 citato, l’affidamento di incarichi specifici o di compiti di pari complessità - rispetto alle ulteriori mansioni disciplinate dal presente Accordo - ma comportanti, sulla base di quanto stabilito dalla contrattazione di scuola, un compenso superiore a quello riconosciuto ai titolari delle posizioni economiche di cui all’articolo 7 del menzionato CCNL del 7 dicembre 2005, resta demandata alla stessa sede di contrattazione la possibilità di disciplinare l’eventuale compensazione economica necessaria per assicurare la parità di trattamento tra le due retribuzioni. Ai fini suddetti, si attingerà alle risorse assegnate alla scuola ai sensi dell’art. 47, ferma restando la natura accessoria dell’eventuale integrazione compensativa adottata.
Pertanto, qualora nel piano annuale delle attività predisposto dal Direttore SGA e adotato dal Dirigente siano previste  attività che comportano l’assunzione di ulteriorin responsabilità necessarie  per la realizzazione del piano dell’offerta formativa, da affidare al personale titolare delle nuove posizioni economiche, è possibile assegnare un compenso superiore assicurando così parità di trattamento tra le due retribuzioni. 
Quota incarico specificoQuota art.7
€ 1032,91 *€1000
€ 619,75*€330
*mentre l’importo per l’art.7 dell’Accordo non è oggetto di contrattazione, il numero degli incarichi specifici e l’importo dell’incarico di cui all’art.47 del CCNL può essere modificato in sede di contrattazione d’istituto

 

Resta inteso che il diverso importo economico deve essere oggetto di contrattazione con la RSU e  le maggiori risorse finanziare necessarie  per retribuire le attività sono a carico del budget assegnato per le attività di cui all’art. 47 del CCNL 2004 dall’USR.  
La RSU relativamente agli incarichi specifici deve stabilire: 
1.       le modalità di utilizzazione del personale in rapporto al POF;
2.       criteri per l’attribuzione degli incarichi specifici
3.       i criteri per l’attribuzione di maggiori e complesse attività da assegnare al titolare della funzione di cui all’art.7 dell’Accordo
4.       la determinazione del compenso annuo per gli incarichi specifici (tendo presente il budget di riferimento comunicato dall’USR e degli eventuali avanzi dell’anno precedente);
5.       l’eventuale compenso aggiuntivo al personale titolare delle nuove posizioni economiche;
6.       i criteri per l’eventuale assegnazione dell’incarico a personale in regime di part-time, di assenza prolungata o dimissioni nel corso dell’anno;
7.       criteri per l’eventuale assegnazione di attività specifiche legate al raggiungimento degli obiettivi del POF  Sulla base dei criteri e dei compensi definiti nella contrattazione d’istituto il dirigente procede al conferimento degli incarichi specifici ed assegna agli incarichi relativi alle nuove posizioni economiche.   

MODELLI  
Assegnazione posizione economica


Prot._______       Data,_______          Al Sig. ______________________  
 

Prot._______       Data,_______          Al Sig. ______________________  
 

Prot._______       Data,_______          Al Sig. ______________________  
 

Prot._______       Data,_______          Al Sig. ______________________  
 

Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Amministrativo.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005
 In considerazione della utile posizione occupata dalla S.V. nella graduatoria di merito di cui all’art.7 del CCNL 7/12/2006 e tenuto conto dell’accordo di contrattazione d'istituto siglato in data  …….., e del piano delle attività del personale ATA approvato con atto dello scrivente in data ……….. nonché dello specifico  percorso formativo seguito, si affida il seguente incarico che comprende  lo svolgimento delle seguenti  attività: "Attività area allievi" Descrizione dei compiti assegnati:
Le mansioni affidate hanno l'obiettivo di gestire la carriera scolastica  dell'allievo per arrivare, anche alla luce della riforma, a certificarne le competenze.
L'assistente destinatario della funzione avrà il compito di:
1. coordinare il personale dell'area;
2. verificare e controllare la correttezza delle procedure;3
. verificare l'applicazione della normativa vigente;
4. verificare la correttezza degli atti aventi rilevanza esterna;
5. verificare la certificazione rilasciata all'utenza;
6.controllare e  verificare l'intera documentazione relativa al percorso curriculare edextracurriculare degli allievi anche con riferimento alla riforma. 
 

Sintesi attività a cura dell'ufficio e di cui la funzione dell'area deve avere piena conoscenza:

·          verifica della documentazione:
·          capacità di adottare procedure organizzative per la raccolta dei dati anagrafici (autocertificazione) necessari per la compilazione del libretto dello studente;
·          capacità di trasferire i dati riportati sui documenti a Sistema (SISSI in Rete).
·          aggiornamento libretto dello studente:
·          conoscenza della normativa a partire dal RD 653/25 fino alla L.28 marzo 2003, n. 53 (Riforma Moratti);
·          registrazione dei dati anagrafici degli studenti in ingresso;
·          aggiornamento della sezione crediti, debiti ed esami;
·          capacità di rapportarsi con i colleghi del front office per la gestione della documentazione.
·          gestione del software delle certificazioni e  raccolta documentazione finale:
·          raccolta documentazione per certificazioni relative alle competenze curriculari ed extracurriculari;
·          registrazione dei risultati finali nel Sistema informatico;
·          stampa registri obbligatori.
·          verifica versamenti tasse e contributi:
·          attivazione procedura relativa al versamento delle tasse e contributi scolastici (dalla delibera del C.I. ai riepiloghi finali da allegare alla reversale);
·          gestione, in coerenza con le linee guida del CI, di tutti i contributi  agli alunni in situazione di disagio;
·          gestione viaggi di istruzione per la parte relativa agli allievi (dalla richiesta del docente al versamento della quota di partecipazione).   
·          Infortuni:
·          raccolta documentazione;
·          tenuta del registro obbligatorio;
·          denuncia agli organi competenti in linea con la normativa vigente;
·          trasmissione documentazione alla società assicurativa;          
Per lo svolgimento del predetto incarico  le sarà corrisposto un compenso annuo lordo di euro …. Da corrispondersi per  tredici mensilità.  Le ricordo che lo svolgimento del predetto incarico costituisce obbligo di servizio  e comporta un’’assunzione di responsabilità ulteriore rispetto agli ordinari compiti del profilo di appartenenza. 

 IL DIRIGENTE SCOLASTICO


Assegnazione posizione economica Prot._______       Data,_______                                         
Al Sig. _____________________________________________________  
Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Scolastico.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005 
 

Assegnazione posizione economica Prot._______       Data,_______                                         
Al Sig. _____________________________________________________  
Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Scolastico.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005 
 

Assegnazione posizione economica Prot._______       Data,_______                                         
Al Sig. _____________________________________________________  
Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Scolastico.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005 
 

Assegnazione posizione economica Prot._______       Data,_______                                         
Al Sig. _____________________________________________________  
Oggetto: Sig. ……………………………………….  Collaboratore Scolastico.
Assegnazione posizione economica di cui al l'art.7 del CCNL 2004/2005 
 

In considerazione della utile posizione occupata dalla S.V. nella graduatoria di merito di cui all’art.7 del CCNL 7/12/2006 e tenuto conto dell’accordo di contrattazione d'istituto siglato in data  …….., e del piano delle attività del personale ATA approvato con atto dello scrivente in data ……….. nonché dello specifico  percorso formativo seguito, si affida il seguente incarico che comprende  lo svolgimento delle seguenti  attività:
Attività supporto hc”
 Descrizione dei compiti assegnati:
L’incarico consiste nel prestare ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alla struttura scolastica, all’interno e all’uscita, nonché nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale. 
Per lo svolgimento del predetto incarico  le sarà corrisposto un compenso annuo lordo di euro …. da corrispondersi per  tredici mensilità.Le ricordo che lo svolgimento del predetto incarico costituisce obbligo di servizio  e comporta un’’assunzione di responsabilità ulteriore rispetto agli ordinari compiti del profilo di appartenenza.  

IL DIRIGENTE SCOLASTICO


Copyright © 2010 Euroedizioni Torino
Via G. Amati 116/7 - 10078 Venaria Reale (TO)
Tel. +39 0112264714 Fax. +39 011 2730803 P.I. 07009890018

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo