Home Archivio notizie
ScuolaWeb
Ultime notizie

PUNTO EDU: LA NUOVA FORMAZIONE PER GLI ATA PDF Stampa E-mail
Notizie - 2005

 

 

Il MIUR ha deciso di investire sugli ATA per migliorare la qualificazione di tutti i profili. L'accordo tra MIUR e OO.SS. del 20/07/2004 ha infatti stabilito di affidare ad INDIRE tutta la partita della formazione ATA basata su un modello ampiamente sperimentato per i Docenti e i Dirigenti. Un modello definito "blended learning" che prevede una parte di formazione in presenza ed una on-line.

Indire ha già definito la piattaforma on line che sarà raggiungibile all'indirizzo: http://puntoedu.indire.it/, presumibilmente a partire dal 3/06/2005 e solo, in questa prima fase, da parte degli assistenti amministrativi.

 

IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Il modello formativo si basa sulla regia del MIUR, la scenografia dell'INDIRE e su tre attori principali:

Gli autori, i direttori di corso e gli e-tutor.

Una commissione paritetica (MIUR e OO.SS.) ha selezionato un gruppo di autori che hanno avuto il compito di produrre i materiali che Indire metterà a disposizione sulla piattaforma WEB.

Le direzioni Regionali devono selezionare i Direttori dei corsi e le sedi dove sarà svolta la parte in presenza della formazione. Le sedi devono essere attrezzate con computer di nuova generazione collegati a internet. Devono inoltre selezionare gli e- tutor (in genere nello stesso profilo dei corsisti) che avranno il compito di facilitare il lavoro dei corsisti stessi per la parte on-line.

Gli e-tutor, infatti, non sono formatori in senso stretto non hanno il compito di fare lezioni frontali, devono agevolare l'utilizzo della piattaforma sul web da parte dei corsisti e validare le attività che i corsisti decideranno di scegliere.

In particolare l'e-tutor deve:

  • creare le classi virtuali;

  • dare continuità agli incontri in presenza e all'attività on-line;

  • facilitare l'uso delle risorse del percorso formativo;

  • stimolare e coordinare la discussione tra i corsisti, anche con l'uso della classe virtuale;

  • validare le attività svolte on -line dai corsisti, consegnare al direttore del corso i report di sintesi delle attività on-line.

I corsisti infatti per ottenere la certificazione del percorso devono sia presenziare agli incontri in aula reale (è possibile assentarsi al massimo a un quarto delle ore) sia ottenere un certo numero di crediti in aula virtuale;

L'e-tutor è l'attore principale di questa partita. Egli ha compiti sia di tipo gestionale che pedagogico e sociale. Deve prima di tutto associare ad una classe virtuale tutti i corsisti. Formata la classe egli convoca in presenza tutti i propri corsisti al fine di illustrare il modello.

I corsisti dal canto loro devono esplorare la piattaforma web e decidere un percorso di studio nell'ambito di quelli disponibili.

Tale percorso si sostanzia in:

  • Attività in senso stretto

  • Documenti di studio

  • Forum

L'attività può avere diverse forme redazionali che portano il corsista a fare una analisi di un aspetto legato al proprio profilo professionale e trarre delle conclusioni.

I documenti di studio sono, invece, documenti di approfondimento che vanno scaricati e studiati. I forum consentono confronti e scambi di opinione. Attività, documenti e forum quando percorsi e validati dall'e-tutor danno diritto a crediti. Una volta raggiunto il numero di crediti previsti per quel profilo il percorso è completato e si riceve l'attestazione.

 

La tabella riporta il sistema dei crediti.

L'area A riguarda i collaboratori scolastici. Gli assistenti amministrativi per completare il percorso devono effettuare 12 ore in presenza e 24 ore on-line.

Siccome 1 ora equivale a due crediti occorre collezionare in tutto:

  • 20 crediti per attività

  • 20 crediti per materiali di studio

  • 8 crediti per partecipazione in forum.

 

ALCUNE CONSIDERAZIONI

In attesa di conoscere i materiali messi a disposizione si possono fare alcune considerazioni.

Il nuovo modello formativo appare in linea con le nuove tecnologie disponibili, ha il vantaggio rispetto alla formazione tradizionale - tutta in presenza - di ridurre i costi di tipo "geografico" e, ancora più importante, crea un "sistema" formativo sul modello delle comunità professionali. I corsisti cioè vanno oltre la singola situazione corsuale e in genere allacciano rapporti (forum, chat) che sopravvivono alla chiusura del corso. In questo senso la funzione del e-tutor è essenziale. Egli deve riuscire a trasformare la classe virtuale in una comunità orientata e motivata, non deve dare risposte ma facilitare gli approfondimenti non deve dare voti ma consigli egli è a tutti gli effetti un primo tra pari.

Non mancano, però, le criticità.

 

LE CRITICITA'

La prima è legata sicuramente agli aspetti tecnologici. Occorre individuare scuole con tecnologie adeguate per consentire all'e-tutor di svolgere in maniera ottimale la funzione illustrativa.

Il personale, poi, deve essere messo in condizione di trovare spazi di tempo e di luogo per poter effettuare il percorso web. L'uso del web previsto da indire è improntato ad un uso facile e familiare però sono richieste conoscenze minime da parte del corsista quali:

  • saper navigare in internet

  • ricevere e inviare mail con allegati

  • saper compattare / scompattare files

  • saper partecipare a forum telematici

tutte cose conosciute da una buona parte del personale ma non da tutti.

In particolare tra i collaboratori scolastici queste competenze minime andrebbero verificate e, in caso di assenza, previsti corsi preparatori mirati all'uso della piattaforma. L'e-tutor non può nelle poche ore in presenza (12 per tutti i profili) sopperire anche a carenze di alfabetizzazione informatica.

Altri problemi si possono legare alla logistica di partecipazione ai corsi da parte dei corsisti, occorre sensibilizzare dirigenti e direttori sulla necessità di facilitare la partecipazione alle ore in presenza ma anche consentire l'uso del pc e di internet durante la presenza a scuola.

A tal proposito sarebbe bene che le direzioni regionali facessero un disciplinare di comportamento concordato con le OO.SS.

Gli e-tutor saranno formati a loro volta da e-tutor senior che hanno ricevuto direttamente da Indire le indicazioni necessarie e gli strumenti da ribaltare in sede locale.

 

LE RISORSE

Ogni classe virtuale è composta da 20/25 corsisti, è guidata da un e-tutor e associata ad una sede fisica (scuola), il cui dirigente o DSGA è anche direttore del corso. Il direttore del corso ha a disposizione 1000 euro per ogni classe virtuale con la quale far fronte ai seguenti costi standard:

 

Direzione corso60,00 euro
e-tutor600,00 euro
Personale tecnico170,00 euro
Cancelleria99,00 euro
Contributi71,00 euro

 

Come si vede le risorse non sono molte e spiace non trovare remunerazione per il lavoro amministrativo sicuramente necessario nella scuola sede di corso.

Sono impegni amministrativi ineludibili ad esempio:

  • contratto dell' e-tutor e personale tecnico

  • tabelle pagamento

  • versamento contributi

  • anagrafe prestazioni

  • attestazioni fiscali

  • versamento alla DR quota direzione per il dirigente scolastico.

Certamente occorrerà trovare soluzione a questa lacuna in sede di contrattazione regionale con le OO.SS.

 

QUALCHE CHIOSA

Un inciso va sottolineato relativamente agli e-tutor senior. La prima di tipo operativo porterebbe a immaginare un rapporto tra e-tutor senior ed e-tutor d'aula che vada oltre il semplice ribaltamento delle informazioni ottenute da Indire. Immagino funzioni di supporto e confronto, elaborazione di comportamenti comuni e soluzioni condivise, funzioni di raccordo tra MIUR e indire da una parte e e-tutor d'aula dall'altra.

La seconda riguarda il fatto che in prima battuta tra gli e-tutor senior chiamati dalle direzioni regionali a Montecatini per un corso di formazione sulla piattaforma ad inizio maggio erano presenti molti docenti. Probabilmente i docenti che già conoscevano la piattaforma puntoedu per aver partecipato a precedenti momenti formativi indirizzati a docenti e dirigenti. Speriamo di trovare, nelle prossime tornate formative destinate ai docenti, nei gruppi di e-tutor senior, anche i DSGA che nel frattempo avranno acquisito le competenze necessarie.

 

Copyright © 2010 Euroedizioni Torino
Via G. Amati 116/7 - 10078 Venaria Reale (TO)

Tel. +39 0112264714 Fax. +39 011 2730803 P.I. 07009890018


Siti Web