Ultime notizie

La prova di preselezione del [...]

Il ministero ha comunicato  con avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.33 del 24 aprile 2018 il rinvio della pubblicazione dei quesiti e del diario della prova preselettiva del corso-concorso nazionale, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento di dirigenti scolastici presso le istituzioni scolastiche statali. Si  comunica  che  la  pubblicazione  dei  quesiti  relativi   al corso-concorso  nazionale,  per  titoli  ed  esami,  finalizzato   al reclutamento  di   dirigenti   scolastici   presso   le   istituzioni scolastiche statali, indetto con D.D.G. n. 1259 del 23 novembre  2017 e pubblicato per avviso nella Gazzetta Ufficiale - 4ª Serie  speciale

Valutazione Dirigenti [...]

Con nota esplicativa n. 3, prot. 6844 del 9/04/2018 il MIUR(nota esplicativa n. 3) ha comunicato che è già disponibile il Portfolio del Dirigente Scolastico da compilare online.

Si è ravvisata l’opportunità di non limitare temporalmente l’accesso, affinché il Dirigente scolastico, attraverso la possibilità di limitare nel tempo le azioni professionali realizzate, orienti le proprie scelta organizzative in maniera sempre più consapevole e funzionale al perseguimento degli obiettivi contenuti nella lettera di incarico.

Per garantire omogeneità e tempi comuni a livello nazionale per la formulazione della valutazione, dal 3q1 luglio 2018 il sistema manterrà in memoria una versione del Portfolio per come compilato entro quella data dallo stesso Dirigente scolastico, versione visibile ma non più modificabile. A partire da quella data tale versione sarà disponibile per il Nucleo e si darà l’avvio alle operazioni connesse all’attività istruttoria, e poi per il Direttore USR per formulare la valutazione relativa all’a.s. 2017/201018.

Arrestato docente di sostegno [...]

Un docente di sostegno è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Potenza, coordinati dalla locale Procura, per maltrattamenti aggravati e continuati inflitti all’alunna disabile di nove anni affidata alle sue cure. 

Le indagini sono partite dalla denuncia dei genitori della bambina, che frequenta una scuola primaria a Ruoti.La bambina aveva cominciato a piangere tutte le volte che doveva entrare in classe.A seguito della segnalazione sono stati sentiti molti degli appartenenti alla stessa classe ed è stato accertato che l’insegnante infliggeva ogni giorno alla minore, con disabilità motoria e cognitiva, sofferenze fisiche e morali. La piccola veniva insultata e malmenata, per futili motivi, con schiaffi, pizzichi e tirate di capelli. Ma anche altri alunni subivano trattamenti simili dal docente, che infliggeva loro punizioni per evitare che riferissero il fatto che in classe guardava sul suo pc foto a contenuto pornografico.

La vicenda ha spinto il Codacons a ribadire l’urgenza dell’adozione di sistemi di videosorveglianza per evitare abusi e violenze nella scuola.

Disturbi specifici di [...]

In Italia sono oltre 250mila i bambini e i ragazzi che frequentano le scuole di ogni ordine e grado affetti da disturbi della lettura, della scrittura e del calcolo, tre alunni su cento. Un numero elevato destinato ancora a lievitare perché, come sostengono al Miur, il processo di formazione dei docenti e le crescenti competenze didattiche hanno determinato una più consapevole e una sempre maggiore individuazione dei casi di sospetti di Dsa tra i frequentanti, dando seguito al necessario percorso diagnostico presso le competenti strutture sanitarie e determinando così l'incremento del numero delle certificazioni per le varie tipologie di disturbo.

I casi di DSA sono così diversificati: 139.620 gli alunni che presentano disturbi di dislessia, 57.259 quelli che accusano problemi di disgrafia, 68.421 di disortografia e 62.877 di discalculia. Nel volgere di appena un anno la loro presenza si è incrementata dell0 0,4%, passando dal 2,5 al 2,9 per cento, con una incidenza maggiore nella scuola secondaria di primo grado. Nell’anno scolastico 2010/2011, la percentuale di alunni Dsa era dello 0,7 per cento, comunque un boom al seguito della emanazione della Legge 170 del 2010, con la quale la scuola ha assunto un ruolo di maggiore responsabilità nei confronti degli alunni con disturbo specifico dell'apprendimento.

La problematica più diffusa è la dislessia, presente nel 42,5 per cento degli alunni che presentano disturbi dell'apprendimento; a seguire la disortografia (20,8 %) e la discalculia col 19,3 per cento.

 

Prima tornata di prove [...]

Conclusa la prima tornata di prove Invalsi, la Ministra Fedeli traccia un bilancio: “Alla fine di questa prima tornata di prove Invalsi 2018, che ha coinvolto le classi III della secondaria di I grado, possiamo tracciare un bilancio più che soddisfacente. E possiamo farlo grazie alla risposta importante e positiva del mondo della scuola, delle ragazze e dei ragazzi, delle famiglie, alle novità introdotte dal decreto legislativo 62 del 2017”.

Fino all’anno scorso le prove Invalsi si svolgevano, nella scuola secondaria di I grado, durante l’esame finale. Da quest’anno, invece, le studentesse e gli studenti sono stati chiamati ad effettuare le prove di Italiano, di Matematica e, per la prima volta, di Inglese, in un periodo diverso da quello degli esami. E, sempre per la prima volta, le prove si sono svolte al computer, coinvolgendo oltre mezzo milione di ragazze e ragazzi fra il 4 e il 21 aprile.

Queste novità sono state volute - ricorda Fedeli - per consentire agli studenti di accedere alle prove con una maggiore serenità e viverle come un’occasione per misurare le proprie conoscenze e le proprie competenze, scoprire i propri punti di forza e gli aspetti su cui continuare a investire per migliorare giorno dopo giorno. La valutazione, pertanto, deve essere uno stimolo e non uno spauracchio. Così come deve apprezzata come un’opportunità la novità dell’Inglese che consente a tuttidi “valutare, con uno strumento qualitativamente alto come la prova Invalsi, la propria conoscenza della lingua, in coerenza con il Quadro comune di riferimento europeo per le lingue, senza costi aggiuntivi per le famiglie”.

I bulli di Lucca: tre [...]

All’indomani della diffusione delle immagini relativi agli episodi di violento bullismo nei confronti di insegnanti a Lucca e Velletri, la Ministra Fedeli aveva tuonato: “Minacce e offese a docenti da parte di studenti sono inaccettabili ed è necessaria una linea rigorosa nelle sanzioni. Chi infrange le regole, chi ricorre alla violenza verbale o fisica nei confronti di professoresse e professori va sanzionato secondo le norme vigenti, che prevedono la sospensione dalle lezioni per periodi di tempo diversi a seconda della gravità delle azioni compiute e, nei casi più gravi, anche la non ammissione allo scrutinio finale”.

Dall’Istituto Tecnico di Carrara è arrivata la risposta: tre studenti bocciati, due sospesi fino al 19 maggio ma ammessi agli scrutini.

Così si è pronunciato, dopo una riunione di quattro ore, il consiglio d'Istituto, chiamato a esprimersi sulla proposta, avanzata dal consiglio di classe, di far ripetere l'anno a cinque dei sei studenti indagati per gli insulti e le minacce nei confronti del proprio docente di italiano e storia.

Le due sospensioni mitigano la proposta di bocciatura espressa da consiglio di classe, perché nel frattempo – ha dichiarato il dirigente scolastico - si sono acquisite informazioni “utili” da uno dei due studenti, inoltre perché è stata valutata anche la recidiva nelle condotte: i due non erano stati sospesi in precedenza, a differenza degli altri tre. Il dirigente ha anche tenuto a precisare che “non è un premio: gli alunni che rientrano dovranno sudare sette camicie", spiegando inoltre di non sapere se le famiglie decideranno di mandarli nuovamente a scuola, una volta conclusa la sospensione.

Nel frattempo la polizia ha effettuato una perquisizione a casa degli studenti, tutti indagati.Sono stati sequestrati gli indumenti indossati dai ragazzi nei video, i loro cellulari e il casco da moto utilizzato per colpire il docente. Gli indagati dovranno rispondere anche del tentato furto del tablet contenente i dati scolastici, che uno di loro ha provato a sottrarre al docente che si rifiutava di dargli un voto superiore al suo rendimento. Nei prossimi giorni seguiranno gli interrogatori.

 

“Vorrei una legge [...]

Venerdì 20 aprile, presso l’Aula del Senato, la Ministra Valeria Fedeli, insieme al Senatore Questore Antonio De Poli, ha premiato le scuole vincitrici della X edizione del progetto “Vorrei una legge che...”, l’iniziativa che ha l’obiettivo di avvicinare anche le più piccole e i più piccoli alle Istituzioni e incentivarne il senso civico.

Il concorso era rivolto alle bambine e ai bambini dell’ultimo anno della scuola primaria e del primo anno della scuola secondaria di primo grado, le cui classipotevano proporre veri e propri disegni di legge illustrati con disegni, cartelloni, video, fotografie, canzoni. La selezione è stata effettuata da una Commissione mista composta dal Senato della Repubblica e dal MIUR, che poteva riconoscere tre vincitori per ogni ordine di scuola e assegnare un numero imprecisato di menzioni speciali.

Hanno partecipato al concorso oltre cento istituti scolastici di ogni regione d’Italia.

Gli elaborati prodotti dalle scuole vincitrici sono stati esposti nella Sala Garibaldi di Palazzo Madama e sono disponibili anche su Senato Ragazzi LAB.

Vincitori e con menzioni speciali, per la SCUOLA PRIMARIA

 - Istituto comprensivo "Deledda-Pascoli" di Carbonia (Carbonia-Iglesias);

 - 13° Istituto comprensivo “Archimede” di Siracusa;

 - Direzione didattica Statale I Circolo “E. Solvay” - plesso Europa di Rosignano Marittimo (Livorno);

 - Istituto comprensivo “Pier delle Vigne” di Capua (Caserta);

 - Istituto comprensivo “Luigi Lanzi” - Scuola primaria San Claudio di Corridonia (Macerata);

 - Istituto comprensivo “Carnevali” di Sant’Angelo in Vado (Pesaro Urbino);

 - Istituto comprensivo “Maria Montessori” di Padova;

 - Istituto comprensivo “Montanari” di Pieve Albignola (Pavia).

 Vincitori e con menzioni speciali per la SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO:

 - Istituto comprensivo “1° C. D. Capraro” di Procida (Napoli);

 - Istituto comprensivo di Barberino del Mugello - Scuola secondaria di 1° grado “L. De Medici” di Barberino del Mugello (Firenze);

 - Istituto comprensivo “Johannes Amos Comenius” di Cognola (Trento);

 - Istituto comprensivo “Tommaso Cornelio” - Scuola secondaria di 1° grado Trenta Magli di   Rovito (Cosenza).

 

Firmato il CCNL della scuola [...]

La Scuola ha finalmente il suo contratto, sottoscritto da Flc Cgil, Cisl e Uil,  Gilda con riserva. Interessa 1.191.694 docenti a Ata, ai quali si aggiungono 53.000 lavoratori delle Università (esclusi i docenti), 24.000 degli Enti di ricerca e 9.500 dell’Afam.

Come previsto dall’ipotesi di contratto, si prevede un incremento stipendiale complessivo medio di 96 euro al mese per i docenti delle scuole (oscillazione da 80,40 euro a 110 euro), incremento medio di 84,5 euro Ata (da 80 a 89 euro), per l’università l’incremento medio è di 82 euro, per ricercatori e tecnologi di 125 euro, per l’area amministrativa della ricerca di 92 euro, per l’Asi di 118 euro.

Il contratto prevede anche la fruizione di congedi per le donne vittime di violenza, il cosiddetto “diritto alla disconnessione” e l’applicazione delle norme previste per coloro che contraggono matrimonio, anche alle unioni civili, e quindi anche a persone dello stesso sesso.

Il diritto alla disconnessione riguarda email, messaggi WhatsApp e telefonate della scuola in qualsiasi orario del giorno e della notte, nel rispetto della privacy della persona. Per rimediare al fatto che si è affermata l’abitudine di utilizzare le nuove tecnologie interattive per la convocazione di consigli di classe, collegi docenti e partecipazione a qualsiasi attività anche in orari diversi da quelli di servizio, è previsto che  dirigenti scolastici possano inviare le mail pertinenti al di fuori dell’orario di servizio solo se previsto dalla contrattazione d’istituto.

Alle donne vittime di violenza e inserite nei percorsi di protezione relativi alla violenza di genere, debitamente certificati, si riconosce il diritto ad astenersi dal lavoro, per motivi connessi a tale percorsi, per un periodo massimo di congedo di 90 giorni lavorativi fruibili nell’arco di tre anni a partire dalla data d’inizio del percorso.

Tra le novità introdotte, figurano le misure disciplinari da adottare nei confronti di chi utilizzerà impropriamente i canali di informazione informatica per relazionarsi con gli studenti e il licenziamento per i docenti protagonisti di comportamenti a molestie di carattere sessuale nei confronti degli alunni.

CONCORSO DIRIGENTI: prova [...]

Secondo voci attendibili, la prova preselettiva del concorso per Dirigenti Scolastici, programmata per il 29 maggio, slitterà a luglio, e indicativamente si dà come probabile il giorno 23. Il Comitato Tecnico Scientifico Nazionale nominato per la preparazione dei 4.000 item a risposta multipla, che dovevano essere resi noti almeno 20 giorni prima della data prevista per la prova, procede a rilento e non potrà assolvere per tempo all’impegno (la commissione si è riunita solo due volte).

Di conseguenza anche la prova scritta dovrebbe slittare a dopo l’avvio dell’anno scolastico. Per la conferma della data prova preselettiva occorrerà attendere la pubblicazione su Gazzetta Ufficiale del 24 aprile.

Fa notizia la pipì a orario [...]

Il Dirigente scolastico di un Istituto Professionale di Genova, al fine di contenere “l’uso inadeguato e a volte vandalico dei servizi igienici” ed anche per “necessità organizzative per il Personale della Scuola”, ha ritenuto “necessario contingentare i tempi dell’apertura in tre spazi orari di 10 minuti ciascuno. Per esigenze particolari degli alunni, la disposizione prevede che l’autorizzazione ad uscire in orari diversi dietro richiesta della famiglia o presentazione di certificato medico.

Di conseguenza, alcuni studenti dell’Istituto si sono rivolti al “Blocco Studentesco” per denunciare la situazione, che ha trovato eco sulla pagina Facebook dell’organizzazione: "Una decisione di questo tipo è inammissibile e illegale, dato che in caso di stringente necessità nessuno, professore o collaboratore scolastico che sia, può impedire a uno studente di recarsi semplicemente al bagno. Parliamo di una scuola frequentata da un migliaio di studenti, con un numero anche piuttosto limitato di bagni a disposizione: pensare di limitare l'uso dei pochi servizi a una mezz'ora su cinque, sei, sette ore di lezioneè sia poco intelligente che ingiusto. Non è accettabile che sul luogo di studio o di lavoro vigano divieti così ferrei nell'uso dei servizi igienici".

"Una decisione di questo tipo - prosegue l'organizzazione -è inammissibile e illegale, dato che in caso di stringente necessità nessuno, professore o collaboratore scolastico che sia, può impedire a uno studente di recarsi semplicemente al bagno. Parliamo di una scuola frequentata da un migliaio di studenti, con un numero anche piuttosto limitato di bagni a disposizione: pensare di limitare l'uso dei pochi servizi a una mezz'ora su cinque, sei, sette ore di lezioneè sia poco intelligente che ingiusto. Non è accettabile che sul luogo di studio o di lavoro vigano divieti così ferrei nell'uso dei servizi igienici".

Il Blocco annuncia che “nei prossimi giorni seguiremo l'evolversi della situazione e controlleremo l'operato del Dirigente Scolastico, pronti a sostenere nella pratica le giuste rivendicazioni degli studenti”.

 

Rivista mensile di Formazione e Aggiornamento professionale e culturale per i docenti delle scuole di ogni ordine e grado

Editoriale  di Ivana Summa e Luciano Lelli

La scuola ai tempi del web

Il tema che in questo numero della rivista è fatto oggetto di attenzione riguarda l’utilizzo delle tecnologie nelle attività didattiche che vengono praticate nelle nostre scuole e, tra queste, sicuramente, è inclusa l’esplorazione del web. Ovviamente, ciascuno di noi è libero di essere favorevole o contrario all’utilizzo formativo delle tecnologie ma, in ogni caso, è necessario considerare che sia l’una che l’altra posizione, se estremizzata, è sbagliata. Da un lato, infatti, non si può ignorare il fatto che la storia dell’umanità è anche storia delle tecnologie e che queste hanno un poteredi cui non sempre si comprende la portata, anche se la storia dell’uomo potrebbe essere scritta come storia di “epoche tecnologiche”.Di particolare rilevanza poi sono le tecnologie collegate alla produzione del sapere, alla sua trasmissione/documentazione nonché diffusione e comprensione. Il passaggio dall’oralità alla scrittura ha determinato una vera e propria rivoluzione culturale tanto da determinare l’evoluzione culturale di interi popoli e dell’intelligenza sociale. E oggi che le tecnologie ci mettono di fronte ad una trasformazione impensabile, come si dovrebbe attrezzare la scuola? È sufficiente introdurre le nuove tecnologie per la mediazione didattica o è necessario riconsiderare la stessa funzione della scuola in rapporto alla gestione della conoscenza?

D’altro canto, se non si può ignorare l’uso degli strumenti tecnologici, è anche rischioso adottarli in modo indiscriminato e lasciarli in uso agli alunni in modo rassegnato visto che i divieti non hanno effetto. Educare ai media, dunque, diventa un’emergenza educativa.

Ragionando su questo versante, facciamo un passo indietro. Alla fine del secolo scorso, il filosofo francese Régis Debray coniò il termine di mediasferaper descrivere in generale l’ambiente dei media che caratterizza una determinata epoca. Secondo Debray, tre tipologie di mediasfere si sono succedute nella storia dell’umanità: la logosfera, il periodo della oralità e della scrittura a mano; la grafosfera, che si sviluppa in seguito all’invenzione della stampa e vede prevalere la lettura privata; la videosfera, epoca in cui, in seguito alla diffusione dei mediaaudiovisivi, assistiamo al dominio delle immagini nel vivere sociale.

Il noto linguista Raffaele Simone, nel suo saggio “Presi nella rete. La mente ai tempi del web (2012)”, assume l’attuale mediasfera a fondamento delle sue riflessioni allorché sottolinea come le tecnologie moderne, con la loro multiforme presenza, che ha modificato il modo di comunicare, abbiano già trasformato la nostra maniera di usare il corpo e la mente. Fermiamoci su questo ultimo punto - le modificazioni della mente - poiché quelle relative al corpo sono del tutto visibili ai nostri occhi, specie se ci focalizziamo sui comportamenti personali e sociali.

Raffaele Simone ci mette di fronte all’evidenza per cui la mediasferaodierna ci accerchia in modo così serrato da avvolgerci in modo ineludibile tanto da aver creato un fenomeno che, in biologia, viene denominato esattamento(in inglese exaptation). Con questo termine, infatti, i biologi mettono in evidenza una sorta di inversione del processo evolutivo delle specie: funzioni e bisogni prima inesistenti si manifestano in modo prepotente ed urgente, perché il nuovo organo tecnologico ha messo in moto impulsi, bisogni, necessità prima sconosciuti. Sono bisogni ancestrali oggi risvegliati dalle tecnologie oppure - come suppongono molti studiosi di questi fenomeni - la modernità tecnologica sta inducendo un formidabile esattamentodella specie umana? L’esattamento, poiché non è un semplice adattamento di tipo evolutivo, in realtà ha creato un nuovo impellente e incontrollabile bisogno: il bisogno compulsivo di utilizzare i media, di connettersi per gli scopi più svariati e addirittura senza alcuno scopo. Sono già note alcune patologie collegate all’uso dei dispositivi tecnologici (tutte le molteplici forme di “disturbi dell’attenzione” di cui soffrono ormai molti dei nostri alunni ne sono una prova) e, soprattutto, all’abuso ossessivo da parte degli utenti più giovani, ormai vittime di questa nuova forma di dipendenza.

Come sta cambiando la nostra mente? Il fenomeno dell’esattamentocambia la nostra mente o, meglio, quella che viene denominata noosfera, cioè l’insieme dei pensieri, idee, opinioni, concezioni che pullulano nella mente umana. Così come la scrittura personale e poi quella a stampa hanno modificato le modalità percettive, comunicative e cognitive delle persone, allo stesso modo la mediasferacontemporanea sta modificando le nostre percezioni, le nostre forme comunicative e cognitive. E, allora, con quale formamentis arrivano i nostri ragazzi nelle nostre aule? Il loro“ambiente di apprendimento”, infatti, è al di fuori delle mura scolastiche e familiari, è seduttivo anche perché fuori dal controllo dei docenti e degli stessi genitori. Ma proprio qui, forse, sta il problema per la scuola perché avere a disposizione, fin dalla nascita, tante informazioni e tanti spazi comunicativi senza che si sia in grado di organizzarli in modo critico può essere davvero pericoloso.

La scuola, dunque, deve effettuare un vero e proprio salto di qualità che non può soltanto riguardare la didattica perché si tratta di rivisitare la sua stessa funzione sociale. Abbiamo già messo in evidenza come la realtà digitale eserciti una formidabile influenza nel campo della conoscenza, del suo formarsi, del suo diffondersi e del suo conservarsi. E non ci riferiamo alla conoscenza elaborata e posseduta dagli specialisti bensì a quella della gente comune, alla cosiddetta conoscenza diffusa. Questa rappresenta il bagaglio culturale che, nelle nostre società, solitamente si forma frequentando la scuola nella fase giovanile in vista di ulteriori acquisizioni future, che avvengono nei contesti più diversi e con diverse modalità durante tutta la vita.

Questa cultura di base, formatasi nelle aule scolastiche, consente alle persone di continuare ad imparare per tutta la vita, avendo maturato un’adeguata strumentazione culturale in grado di fare da filtro mentale, di organizzare continuamente il nostro sapere personale. Se consideriamo il fatto che la vita ci fa fare esperienza di un coacervo affastellato di informazioni - credenze, valori, opinioni, informazioni generiche che accumuliamo attraverso lo studio ma anche leggendo, conversando con gli altri, negli ambienti di lavoro - dobbiamo constatare come l’esperienza quotidiana stia cambiando la qualità del nostro “imparare ad imparare”.Il nostro modo di conoscere, la nostra esperienza del tempo, il nostro essere presenti/assenti contemporaneamente in diverse realtà, la nostra rapida concentrazione e altrettanto rapida distrazione sono segnali di un cambiamento che nei cosiddetti “nativi digitali”è già ampiamente presente e con il quale bisogna fare i conti.

Nella nostra epoca, le conoscenze così intese sono state coinvolte in una metamorfosi che riguarda l’apprendere e il comprendere: si apprende in modo più veloce e si comprende in modo più superficiale, poiché nell’hic et nuncdella connessione non c’è spazio per il pensiero riflesso.

Concludiamo questo nostro editoriale condividendo un’affermazione di R. Simone: ci troviamo di fronte ad una “tempesta culturale” di cui ancora non possiamo prevedere gli esiti. E, a questo punto, noi dobbiamo chiederci come la scuola, intesa come sistema scolastico e contemporaneamente come corpo docente, debba prendere coscienza di questo fenomeno che sconvolge la ragione fondativa dell’istituzione scolastica. La domanda è pertinente perché la scuola rappresenta ancora (o, forse, non più) l’istituzione delegata a trasmettere i saperi da una generazione all’altra, ma deve, ancora di più che in passato, fornire gli strumenti culturali per agire nella realtà così come si presenta in tutte le sue articolazioni sociali.

Per un’efficace trasmissione di informazioni oggi i docenti debbono avvalersi dei dispositivi tecnologici per non lasciare fuori il mondo e per animare cumiudicioil tradizionale ambiente di apprendimento che rischia di trasformare l’istituzione scolastica in una paleo-scuola o, peggio, in una neo-scuola dallo stampo naif. Non vogliamo fare i sociologici, ma abbiamo voluto fin qui fare delle riflessioni che, peraltro, esposte in modo così sintetico, rischiano di essere fraintese. In parole semplici, ci stiamo chiedendo come la scuola si stia attrezzando di fronte a queste sfide che hanno a che fare con la funzione trasmissiva della conoscenza e, contemporaneamente, con la sua funzione formativa. I contributi che pubblichiamo in questo numero vanno in questa direzione: ci dicono che è opportuno creare ambienti tecnologici che favoriscano l’apprendimento e la comprensione, a patto che gli insegnanti agiscano in modo sensato e all’interno di un progetto educativo articolato. X

Copyright © 2010 Euroedizioni Torino
Via G. Amati 116/7 - 10078 Venaria Reale (TO)
Tel. +39 0112264714 Fax. +39 011 2730803 P.I. 07009890018

Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo